Malachia - WWMCat - Dedicato agli amanti della Natura - Istruzioni per gli autori
Malachia - WWMCat - Dedicato agli amanti della Natura

Malachia - WWMCat - Dedicato agli amanti della Natura
[ Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata? | Opzioni Amministratore

 Tutti i Forum
 Novità e comunicazioni
 I quaderni di Malachia
 Istruzioni per gli autori
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 2 Blocca Discussione Modifica Discussione Elimina Discussione Nuova Discussione Rispondi

daniele
Moderatore


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Copertino


180 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 10:17:55  Mostra Profilo  Modifica Messaggio Invia a daniele un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visualizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Ciao a tutti,
sono stato investito (non preoccupatevi, sto bene ) dell'incarico di redattore capo per il nostro Notiziario e,dal primo numero, sto ricevendo gli articoli per la successiva pubblicazione. Penso sia arrivato il momento di darci qualche regola per evitare, come è successo fino ad adesso, di ricevere i lavori in decine di formattazioni diverse. Molto importante è anche uniformarsi alle regole "internazionali" di base per la stesura di un articolo scientifico in modo che il lavoro sia subito riconosciuto da chi lo legge, come un qrticolo scientifico e non come un racconto. Ho redatto delle norme di base che Mimmo sta ampliando e rivedendo e che, a breve, renderà disponibili a tutti.
Prego chiunque voglia sottoporci un articolo di leggere preventivamente queste istruzioni e uniformarsi allo stile che prevedono, in modo che la nostra rivista possa crescere in modo più coerente.
daniele

PS: Se avete commenti, sono più che bene accetti

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 11:30:04  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Commenti tanti, a non finire, ma non vorrei apparire un demolitore, anzi!
Sapete bene come la mia propensione sia per la didattica e sentir parlare, immagino con convinzione, delle "regole internazionali per la stesura di articoli scientifici", mi lascia non poco perplesso.
Fin dagli anni 70 facevo presente alla Conchiglia di Nicolay e alla rivista dell'allora UMI che produrre solo "articoli scientifici", in una pubblicazione destinata agli appassionati, equivale a dire: "...voi no! Qui ci siamo solo noi scienziati e titolati...". La maggior parte dei neofiti e dei normali appassionati come noi, cercano in genere articoli divulgativi che aiutino ad entrare nella materia.
Naturalmente un articolo ad "...alto livello..." non guasta perchè aiuta a vedere la materia da un altro punto di vista. Si! Parliamo proprio di punti di vista, perché tutto oggi è dominato da questo parametro!
Un articolo "scientifico" considerato ad "alto livello" è già di per se, naturalmente a mio avviso, un grande atto di presunzione! Conosciamo poi bene, chi di noi ci è passato, il mondo delle "baronie" universitarie e degli istituti scientifici dove i cosiddetti "titolati" producono pubblicazioni al solo fine di dire:"...io ho 154 pubblicazioni". Insomma una specie di collezionismo nel quale, peraltro, sappiamo che al 90% si tratta di lavori fatti dai laureandi o dai ricercatori sottomessi dei quali, molto spesso, non appare nemmeno il nome.
Detto questo, ma tornerò spesso su questa discussione, forse dovremmo prima "decidere" quale taglio dare alle nostre pubblicazioni e, se del caso, aprire una serie di "collane" con finalità diverse!
Vi pare?
Torna all'inizio della Pagina

diego63
Moderatore



Regione: Lombardia
Prov.: Cremona
Città: Rivolta d'Adda


966 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 11:43:11  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di diego63  Modifica Messaggio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di diego63 Invia a diego63 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
OK! come per altre riviste si potrebbe anche inserire nella nostra una pagina alla fine con le norme per gli autori una volta che sono pronte.

Diego
Torna all'inizio della Pagina

daniele
Moderatore


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Copertino


180 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 11:44:07  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di daniele  Modifica Messaggio Invia a daniele un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Diciamo che ti sei spinto un po' oltre quelle che erano le mie intenzioni...da baroni universitari ad articolo decentemente formattato ci passa parecchio....se poi volete una rivista arlecchino, con un articolo centrato carattere x, uno giustificato con carattere y, uno con i paragrafi canonici e uno scritto tutto d'un fiato, basta dirlo . Ad ogni modo con Mimmo avevamo pensato ad un articolo "di viaggio" per ogni numero, un articolo che racconti un viaggio (o gita) in una particolare zona, come il tuo del primo numero.
daniele
Torna all'inizio della Pagina

Delta
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


878 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 15:50:35  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Delta  Modifica Messaggio Invia a Delta un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Se ho ben capito,Daniele chiede solo che lo standard degli articoli che gli arrivano,sia uguale per tutti.Nel senso ed estremizzo,che un articolo non può essere scritto in excel e uno in word,uno allineato a destra e uno a sinistra e il terzo centrato.
Questo a mio parere intendeva e sono pienamente d'accordo con Daniele.

G.P.
Torna all'inizio della Pagina

daniele
Moderatore


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Copertino


180 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 16:48:50  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di daniele  Modifica Messaggio Invia a daniele un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Si Gianni, proprio questo...in più possibilmente strutturati come un articolo scientifico (introduzione, discussione, materiali e metodi, ecc.)
Daniele
Torna all'inizio della Pagina

Nappus
Moderatore



Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari
Città: Quartu Sant'Elena


2811 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 19:13:05  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Nappus  Modifica Messaggio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Nappus Invia a Nappus un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Citazione:
daniele ha scritto:

Si Gianni, proprio questo...in più possibilmente strutturati come un articolo scientifico (introduzione, discussione, materiali e metodi, ecc.)
Daniele




Completamente d'accordo con Daniele.

---------------------------
Paper is dead without words
Ink idle without a poem
All the world dead without stories
Without love and disarming beauty

-Song of Myself, Nightwish.
Torna all'inizio della Pagina

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 14/03/2014 : 19:46:32  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Convengo pienamente sul fatto di avere testi uniformi come caratteri, ecc.. Avevo da tempo sollecitato Mimmo su questo punto ma lui risponde con il suo "ci penso io...". Se invece si stabilisce, ad esempio, che deve essere tutto scritto in Times dimensione carattere 14 e i titoli 18 e neretto, si risparmia alla redazione un grande quantità di tempo e si arriva prima ad un risultato uniforme.
Come invece pensavo di aver chiarito con la mia prima risposta, non condivido l'idea di scimmiottare (lasciatemi correre la parola) alcune abitudini universitarie o di enti pubblici secondo i quali si scrive un "documento" rispettando le regole ...(introduzione, discussione, materiali e metodi, ecc.). Sono quasi sempre vissuto in ditte private nelle quali si usa scrivere in lingua corrente e, preferibilmente, non tentando di riempire a forza le varie caselle, appunto introduzione, discussione, materiali e metodi, ecc.
La nostra è una delle lingue più ricche del mondo e costringerla dentro schemi predefiniti mi sembra sempre una grave forzatura.
Farò comunque seguito a questa mia con altre mie opininioni che, ci tengo a chiarire con fermezza, sono "mie opinioni" e valgono come tali: mai una costrizione per gli altri

Modificato da - hofanec in data 14/03/2014 19:48:03
Torna all'inizio della Pagina

aldo
Utente Medio


Regione: Veneto
Prov.: Venezia
Città: Chioggia


287 Messaggi

Inserito il - 15/03/2014 : 17:27:50  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di aldo  Modifica Messaggio  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di aldo Invia a aldo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Convengo sul modo di usare caratteri di scrittura uniformi.
Come sono d'accordo, per far presa anche su i non addetti ai lavori, di usare un modo di scrivere semplice, capibile ai più e naturalmente corretto.

Aldo Cappon

Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore



Regione: Toscana
Prov.: Pisa
Città: Santa Maria A Monte


423 Messaggi

Inserito il - 15/03/2014 : 21:34:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di garagolo  Modifica Messaggio Invia a garagolo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Mi permetto di esprimere anche la mia opinione.
Condivido in pieno l'opportunità di utilizzare lo stesso tipo di carattere e lo stesso tipo programma di scrittura oltre alla stessa formattazione, non condivido affatto la necessità e tanto meno l'obbligatorietà di seguire una "forma" tipo (introduzione, discussione, materiali e metodi, ecc.)
A mio parere, se chi scrive si prefigge il fine di produrre un lavoro "scientifico" ovvero qualcosa che abbia velleità di descrizione di specie nuove, revisioni tassonomiche e sistematiche, studi anatomici, molecolari ecc. non solo deve sottostare a regole precise, ma deve anche sottoporsi a referaggi da parte di esperti accreditati.
Se Malachia pubblicherà lavori in tal senso , ovviamente deve pretendere regole ferree, se invece il lavoro ha una funzione più divulgativa, rivolta ad una platea amatoriale più che accademica, occorre poter lasciare all'autore ampio margine di "fantasia" nella impostazione del lavoro pur richiedendone la maggior attendibilità e rigore onde evitare di affermare "castronerie".
In definitiva tutto dipende dal fine prefissato sia dalla associazione sia dagli autori.

Alessandro
Torna all'inizio della Pagina

Delta
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


878 Messaggi

Inserito il - 17/03/2014 : 08:53:14  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Delta  Modifica Messaggio Invia a Delta un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Bravo Alessandro......
più preciso di così non potevi essere.
Saluti

G.P.
Torna all'inizio della Pagina

daniele
Moderatore


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Copertino


180 Messaggi

Inserito il - 17/03/2014 : 09:34:33  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di daniele  Modifica Messaggio Invia a daniele un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
A questo punto non so che dire, se non che forse questo discorso bisognava intraprenderlo prima...qui non si è proprio decisa la filosofia alla base della pubblicazione....decidete e fatemi sapere.
daniele
Torna all'inizio della Pagina

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 17/03/2014 : 12:21:50  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Daniele non perderti d'animo. Inizia a buttare giù lo stile: dimensione e tipo dei caratteri, sia nel corpo che nei titoli. Basati pure su quanto già pubblicato. Poi diamo un'occhiata ai regolamenti di altre pubblicazioni e prendiamo ciò che ci sembra migliore e più adatto a noi.

Questo ci aiuterà ad avere lavori di aspetto uniforme!

poi dovremmo decidere:
1 - cosa va usato come articolo per il notiziario e cosa come quaderno di Malachia. Penso che ci si possa basare sulle dimensioni.
2 - quali argomenti sono adatti per il notiziario. Ad esempio: mettendo a parte il lavoro di Francesca Lepori si è già deciso di fare una distinzione tra didattica e divulgazione. Questo però non è un confine così certo. Tu come responsabile della redazione dovrai decidere di volta in volta.
3 - chiarire quali materie vanno nel notiziario. Ricordo qualche contestazione sugli articoli di astronomia. Per me tutto va accettato!
4 - stabilire se vogliamo dare una veste "scientifica" agli articoli o, più semplicemente, separare con "capitoli" diversi alcuni tipi di articoli da altri. Ad esempio: lavori iconografici, lavori tassonomici, lavori didattici, ecc.. Ricordo che un articolo scientifico, secondo le idee correnti (per me del tutto non condivisibili) deve essere soggetto a "referaggio" e lo si applica a studi su nuove specie o a variazioni tassonomiche e debbono contenere almeno un "abstract" in inglese. Il resto dovrebbe, sempre a mio avviso, essere classificato come "divulgazione".

Faccio presente che, secondo la mia immensa ignoranza, tutti gli articoli che parlano di Scienze sono di fatto "Scientifici".

Vedrai che proseguendo con questa discussione e raccogliendo le idee di tutti, arriveremo ad una definizione concreta delle "regole per gli autori". Abbi fede!

Modificato da - hofanec in data 17/03/2014 12:37:56
Torna all'inizio della Pagina

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 17/03/2014 : 12:48:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Vi allego un esempio di regole per gli autori. Poichè noi non facciamo normalmente uso di formule non siamo interessati ai simboli utilizzati e alle macro necessarie per scriverli. Il resto mi pare vada bene. Cosa ne dite?


Guida per gli Autori del Giornale di Fisica
Come preparare un articolo
Gli articoli devono essere preferenzialmente preparati utilizzando il programma LATEX utilizzando il pacchetto di macro disponibile all’indirizzo http://www.sif.it//riviste/gdf. Altre varianti del TEX o #64257;les di Word sono accettati, ma in quest’ultimo caso i simboli matematici saranno parzialmente o totalmente ribattuti nella fase di conversione a LATEX.
La lingua accettata `e l’italiano.
Ogni articolo `e composto dalle seguenti parti:
– pagina principale con titolo, nome(i) dell’autore(i) e a#64259;liazione(i) corrispondente(i)
– riassunto in italiano e rispettiva traduzione in inglese (Summary) (massimo 1000 caratteri ciascuno, spazi inclusi)
– testo principale
– #64257;gure/tabelle
– ringraziamenti (facoltativo)
– una lista di riferimenti bibliogra#64257;ci (facoltativo)
Pagina principale
Titolo: Il titolo deve essere chiaro, conciso e di immediata comprensione; se il titolo dovesse eccedere le 70 battute, spazi inclusi, indicare un titolo breve per le testatine.
Autore(i) e a#64259;liazione(i): indicare Nome(i) e Cognome(i) per esteso seguiti dalle rispettive a#64259;liazione(i) completa(e). Se necessario avere note di pi`e pagina (per e-mail o altro) usare la macro LATEX \thanks{} (nel caso si utilizzi Word usare l’asterisco).
Testo principale
Pu`o essere suddiviso in sezioni e sottosezioni numerate (1, 1.1, 1.2, ecc., citate
nel testo come sezione 1, 1.1, 1.2, ecc.).
Può contenere #64257;gure e tabelle numerate in ordine di citazione con numeri arabi per le #64257;gure e romani per le tabelle. Le #64257;gure sono citate nel testo come #64257;g. 1, #64257;g. 2, ecc., a meno che non siano la prima parola nella frase, nel qual caso sono scritte per esteso. Le tabelle sono citate come tabella I, tabella II, ecc. Tutte le #64257;gure e tabelle devono essere citate in ordine sequenziale nel testo ed avere
una corrispondente didascalia. Le didascalie delle #64257;gure devono essere chiare ed autoesplicative in modo da consentire la comprensione della #64257;gura anche indipendentemente dalla lettura dell’articolo. In caso di #64257;gure e/o foto riprodotte da altre pubblicazioni ricordarsi di citare la fonte e chiedere l’autorizzazione alla riproduzione.
– I riferimenti bibliogra#64257;ci nel testo sono indicati con numero tra parentesi quadre e devono essere numerati in ordine sequenziale.
Torna all'inizio della Pagina

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 17/03/2014 : 12:59:45  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Ecco un altro esempio da altro sito. Di questo prenderei la definizione dei caratteri, misure, pagine, ecc... Se andate internet ne trovate a non finire. Da questo non prenderei la numerazione di Paragrafi e sottoparagrafi con la tecnica, molto da ufficio e poco da divulgazione, es..1.0 1.1 1.1.2 ecc.

INFORMAZIONI PER GLI AUTORI
REGOLE PER LA COMPOSIZIONE DEI TESTI
Foglio formato A4. Spazio riservato al testo rettangolo di 13x18 cm. Impostazione margini: Superiore 5,8 cm; Inferiore 5,8 cm; Sinistro 4 cm; Destro 4 cm.
Il titolo deve essere scritto in Times New Roman 12 punti
Il testo deve essere scritto in Times New Roman 11 punti
Interlinea singola o 0,5 cm o 12 punti
Rientro prima riga (capoverso) 0,5 cm
La numerazione delle pagine deve essere fatta fuori del rettangolo 13x18.
Testo note, ringraziamenti, riferimenti bibliografici e appendici in Times New Roman 10 punti
Interlinea delle note e dei riferimenti bibliografici 10 punti.
PRIMA PAGINA
Nella prima pagina va indicato il titolo del lavoro (massimo 3 righe) lasciando una linea bianca, in carattere Times New Roman 12 punti, tutto maiuscolo, in grassetto centrato.
Il Nome e Cognome dell’autore va scritto in carattere Times New Roman 11 punti (come il testo), sotto il titolo lasciando una linea bianca, maiuscolo e centrato.
Il testo deve iniziare a cm 5 dalla prima riga del rettangolo di cm 13x18 e deve essere giustificato.
PARAGRAFI
I paragrafi devono essere numerati progressivamente con numeri arabi seguiti
dal punto e dal titolo. Sia il numero, sia il titolo devono essere in grassetto e
allineati a sinistra. Esempio:
1. Introduzione
2. Metodi statistici
I sottoparagrafi devono essere numerati progressivamente all’interno del paragrafo, sempre in numeri arabi e il titolo in corsivo. Analogamente al paragrafo vanno allineati a sinistra. Esempio:
3.1 Descrizioni dati
3.2 Strategie di modellazione
Sia i paragrafi, che i sottoparagrafi devono essere preceduti da due linee bianche e seguiti da una linea bianca; dopo il paragrafo (sotto-paragrafo) si inizia con un rientro (capoverso). Per le ulteriori numerazioni si procede in modo analogo.
Torna all'inizio della Pagina

daniele
Moderatore


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Copertino


180 Messaggi

Inserito il - 17/03/2014 : 16:10:18  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di daniele  Modifica Messaggio Invia a daniele un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Che è praticamente (tranne alcuni dettagli) quello che chiedevo io...anzi le mie sono meno stringenti
Torna all'inizio della Pagina

daniele
Moderatore


Regione: Puglia
Prov.: Lecce
Città: Copertino


180 Messaggi

Inserito il - 18/03/2014 : 10:04:02  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di daniele  Modifica Messaggio Invia a daniele un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Faccio questa proposta: Facciamo 3 pubblicazioni:
I Quaderni di Malachia per monografie, com'è adesso.
Il Notiziario, per articoli divulgativi, senza vincoli strutturali (ma con vincoli riguardo alla formattazione) e per eventuali notizie circa l'associazione e altro.
Malachia, con articoli più strettamente "scientifici", con vincoli classici delle pubblicazioni...questo secondo me potrebbe attrarre autori di un certo peso e garantirci una crescita.
Per articoli di ampio respiro e di altri argomenti che non siano per lo meno naturalistici (mi riferisco ad esempio agli articoli di astronomia) si decide se vanno nel Notiziario o in Malachia.
Che ne pensate? Commenti please

Daniele
Torna all'inizio della Pagina

garagolo
Moderatore



Regione: Toscana
Prov.: Pisa
Città: Santa Maria A Monte


423 Messaggi

Inserito il - 18/03/2014 : 12:05:16  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di garagolo  Modifica Messaggio Invia a garagolo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Mi sembrerebbe una sensata prospettiva

Alessandro
Torna all'inizio della Pagina

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 18/03/2014 : 12:51:16  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Convengo anche io ma...sarebbe bene definire prima, anche se con eventuali correzioni successive, cosa riteniamo "naturalistico" e cosa no e quindi scrivere nelle norme dove verranno incasellati i vari articoli.
Torna all'inizio della Pagina

Delta
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


878 Messaggi

Inserito il - 18/03/2014 : 15:47:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Delta  Modifica Messaggio Invia a Delta un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
Mi piace l'idea di Daniele.


G.P.
Torna all'inizio della Pagina

hofanec
Moderatore



Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


1191 Messaggi

Inserito il - 18/03/2014 : 18:26:49  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di hofanec  Modifica Messaggio Invia a hofanec un Messaggio Privato  Rispondi Quotando  Visulaizza l'indirizzo IP dell'Utente  Elimina Messaggio
attenzione: il codice ISSN viene dato su un nome di testata che deve essere rispettato. Se come spero sia stato registrato come "Malachia", si potrà fare ad esempio:
Malachia
Malachia
- I Quaderni
Malachia - Il Notiziario

Modificato da - hofanec in data 18/03/2014 18:27:27
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 2  Discussione Discussione Successiva   Blocca Discussione Modifica Discussione Elimina Discussione Nuova Discussione Rispondi
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Malachia - WWMCat - Dedicato agli amanti della Natura © 2007 G.N.M. Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,37 secondi. Herniasurgery.it | Mappe Sardegna | Snitz Forums 2000 | cercaricerca.com